Ruggine ed i suoi dettagli

0
467

Per fare fronte all’inquinamento atmosferico è un obbligo di tutti pensare a nuove forme di mobilità sostenibile e green. Da sempre il mezzo di trasporto più ecologico e che ci permette di vivere al massimo la natura è la bicicletta.

Foto Lorenzo Evangelisti

La Strana Officina, di cui abbiamo già avuto modo di parlare, offre in questo senso il massimo possibile. Le sue biciclette hanno anche un altro grandissimo vantaggio, di essere bellissime e curate in ogni dettaglio. La vera forza de La Strana Officina è quella di realizzare prodotti che il mercato comune delle bici non propone, sia per politiche di mercato, sia per mancanza di idee.

Marco e Francesco, i due titolari, sono in questo campo da oltre 10 anni e grazie alla loro esperienza sono in grado di allestire e vendere modelli di bici personalizzate che hanno la particolarità di essere tutte pezzi unici.

Foto Lorenzo Evangelisti

L’ultima nata dalla creatività de La Strana Officina è la “Bici Ruggine”. Siamo di fronte ad un modello dotato di telaio in alluminio, modello Messenger, che è stato spruzzato con vernice in modo da donarle un effetto Cor-ten. Le ruote montano dei mozzi prodotti direttamente da La Strana Officina in alluminio scomponibili, con flange dal diametro di 180 millimetri e riassemblate con tiranti in ottone. Il tutto è stato poi lucidato e nichelato tramite bagno galvanico, così come le pedivelle retrò anni ’90.

Foto Lorenzo Evangelisti

Anche i pedali nascono dalla creatività de La Strana Officina, sono realizzati a mano in acciaio inox per essere successivamente lucidati. Elegante poi l’abbinamento della catena per Single Speed Shimano. Per quanto riguarda la parte anteriore, la forcella scomponibile in Ergal è accompagnata sia dal freno Campagnolo che dalla leva freno Joystick sempre prodotta da La Strana Officina.

Foto Lorenzo Evangelisti
Foto Lorenzo Evangelisti

Il manubrio è in acciaio inox nichelato, mentre le manopole in finto rettile riprendono uno dei più bei componenti della bici, ovvero il rivestimento della sella.

Foto Lorenzo Evangelisti

Proprio la sella è probabilmente il dettaglio che maggiormente colpisce. Questa è stata realizzata dallo Studio M di Andrea Martelli. E’ in radica di pioppo successivamente trattata con resine e vernici solitamente utilizzate per la verniciatura delle barche.

Foto Lorenzo Evangelisti

Contattando direttamente la Strana Officina (www.lastranaofficina.it) si potranno avere informazioni sui prezzi e sulla tempistica per avere questo vero gioiello a due ruote.

Foto Lorenzo Evangelisti

 

SHARE
Articolo precedenteDai fondi di caffè nascono funghi
Prossimo articoloVignaiola o chef?
Luca Malgeri
Giornalista, laureato in Scienze Politiche, svolge da sempre la sua professione con grande passione, scrivendo e confrontandosi, nel corso degli anni, con tanti e diversificati argomenti. Ha iniziato con la telefonia mobile e l’information technology e poi ancora agriturismo, motori e settore casa. Negli ultimi anni si è occupato di tutto ciò che riguarda il mondo agricolo, guardando sia alla meccanizzazione, quindi trattori e macchinari, che all’enogastronomia, ai prodotti tipici, all’allevamento e al giardinaggio. Collaboratore con blog e testate online, è convinto che il futuro sia nel web e nelle potenzialità che questo offre.

LASCIA UN COMMENTO