Futuro sempre più digitale per l’agricoltura?

0
172
Futuro sempre più digitale per l'agricoltura?
Futuro sempre più digitale per l'agricoltura?

Futuro sempre più digitale per l’agricoltura? Il Mipaaf ha fatto il punto sullo stato dell’agricoltura 4.0, proponendo una strategia per la sua diffusione

Futuro: le Linee guida per lo sviluppo dell’Agricoltura di precisione sono state approvate dal ministro Maurizio Martina con il decreto del 22 dicembre scorso. Obiettivo: arrivare entro il 2021 alla gestione di precisione del 10% della superficie agricola utile del nostro paese.

Parola d’ordine, in considerazione dell’attualità e degli scenari che si prospettano: produrre di più, “impattando” meno.

Il documento Linee guida per lo sviluppo dell’Agricoltura di precisione evidenzia il potenziale ecologico ed economico delle nuove tecnologie 4.0 che sembrano sempre più consolidarsi come una realtà sostanziale.

Vediamo alcuni numeri riportati da Agronotizie in un articolo a firma Tommaso Cinquemani: “Si stima che la distribuzione a dose variabile degli input venga applicata da non più di 200 aziende in tutta la penisola. I sistemi di guida semi-automatica, il primo step per fare Adp, sono presenti solo sull’1% dei trattori venduti ogni anno (meno di 300 unità).

Se si considera che il nostro parco mezzi è il terzo più grande al mondo, con 1,75 milioni di esemplari, si capisce quanto tempo ci vorrebbe per un ammodernamento. Come paragone si possono prendere gli Stati Uniti, dove l’80% dei trattori monta sistemi di self-driving.

La situazione italiana migliora se si guarda ai mezzi più grandi: le mietitrebbie con il sistema di mappatura delle produzioni operanti sono circa 1.600, e coprono il 10% della superficie destinata alla cerealicoltura. Mentre il 30% delle falciatrinciacaricatrici ha i sensori per monitorare resa e umidità del trinciato”.

Futuro sempre più digitale per l'agricoltura
Futuro sempre più digitale per l’agricoltura

Il documento del ministero parla dell’agricoltura 4.0 come di uno strumento importante per accedere alla Pac. Per i contoterzisti anche nel Piano nazionale industria 4.0 sono previsti ammortamenti speciali.
Il documento del Mipaaf sottolinea l’importanza dell’agricoltura di precisione sia per l’ottimizzazione di produzione e ore di lavoro, sia in termini di costi e benefici sull’ambiente.

Futuro sempre più digitale per l’agricoltura?

Il documento auspica anche corsi di studio e di aggiornamento professionale per il superamento di quel “gap” di mentalità e di conoscenza che ancora sussiste tra gli agricoltori. Il decreto ministeriale rivendica il ruolo del ministero come soggetto primario per l’incentivazione dell’agricoltura 4.0, sempre tenendo conto delle specificità territoriali e riporta: “Le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, conformemente alle Linee guida […], individuano idonei sostegni finanziari, con particolare riferimento ai programmi di Sviluppo rurale 2014-2020, ai fini dello sviluppo e della diffusione delle tecniche relative all’Agricoltura di precisione”.

FUTURO DIGITALE ANCHE A FIERAGRICOLA

Anche da Verona, dove tra pochi giorni partirà Fieragricola, la situazione sembra essere perfettamente in linea con il documento del Mipaaf. Il futuro dell’agricoltura appare sempre più digitale.

Agricoltori, tecnici, distributori e scuole: quattro destinatari per conoscere le opportunità dell’agricoltura digitale e un’intera giornata – giovedì 1 febbraio – dedicata alle rivendite di mezzi tecnici in agricoltura, durante la quale saranno analizzati il contesto, le problematiche e le possibilità offerte dal digitale per la loro risoluzione.

È il Distributore Day, una delle novità di Fieragricola 2018, in programma a Verona dal 31 gennaio al 3 marzo, organizzato in collaborazione con Image Line, azienda Hi-Tech specializzata nelle soluzioni digitali per l’agricoltura e annoverata tra le «pmi innovative» in Italia.

“Sempre più l’agricoltura si sta dirigendo verso innovazioni tecnologicamente avanzate e connesse a internet, secondo un modello di Agricoltura 4.0 che l’Italia ha legittimamente sposato – ha affermato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere – C’è ancora molto da fare, se si pensa che l’economia digitale rappresenta il 22% del Pil mondiale, mentre in Italia siamo al 18%, contro il 33% degli Stati Uniti e con l’agricoltura che, fra tutti i comparti economici, costituisce il 2,2% del Pil”.

Nel futuro dello sviluppo rurale, grazie agli incentivi dell’Unione europea per la diffusione della banda larga, ci sarà sempre di più agricoltura digitale. “In quest’ottica Fieragricola ha pensato di approfondire, insieme a Image Line, una tematica chiave per incrementare la competitività del Made in Italy agroalimentare e per agevolare gli obiettivi posti dal ministero delle Politiche agricole, che vorrebbe raggiungere entro il 2021 una diffusione dell’agricoltura di precisione pari al 10% della Superficie agricola utile” ha aggiunto Mantovani.

Futuro sempre più digitale per l’agricoltura?

“Negli ultimi tre anni abbiamo condotto diverse indagini rivolte a professionisti del settore agricolo dotati di accesso ad internet. Dai risultati emerge che oltre il 60% degli agricoltori utilizza tutti i giorni strumenti digitali – ha dichiarato  Ivano Valmori, fondatore di Image Line – Il futuro del lavoro sui campi sarà sempre più caratterizzato da innovazione e sostenibilità.

In questo contesto, continua a crescere l’utilizzo di software e oltre il 50% dei giovani agricoltori connessi è sempre più interessato all’utilizzo di strumenti per l’agricoltura di precisione per rispondere tempestivamente alle esigenze del mercato.

Un chiaro segnale dell’inversione di tendenza a favore di un’agricoltura 4.0, testimoniata anche dalla crescita della community digitale di Image Line che oggi raccoglie più di 150.000 iscritti. Sono convinto del fatto che solo integrando e condividendo le informazioni che arrivano dal campo, dalla sensoristica, dai satelliti e da chi svolge ricerca si potranno ottenere quei vantaggi competitivi che rendono le nostre produzioni delle vere eccellenze del Made in Italy apprezzate in tutto il mondo”.

 LA RICERCA CON NOMISMA

Nel corso del Distributore Day, che coinvolgerà rappresentanti istituzionali, enti controllori e mondo della ricerca, saranno presentati per la prima volta i risultati della ricerca rivolta ai distributori di mezzi tecnici per l’agricoltura, condotta da Image Line e Nomisma. L’appuntamento è l’1 febbraio alle ore 10, in Sala Salieri. Dalle 14, allo stand di Image Line (padiglione 7, stand D8) ci saranno focus tecnici sul sistema di distribuzione.

VITE E VINO DIGITALI SOSTENIBILI

Venerdì 2 febbraio, invece, al padiglione 4 (Area Forum, dalle 11 alle 12:30), il calendario degli appuntamenti prevede invece il convegno “Dal campo al calice di vino: digitale e sostenibilità per lo sviluppo della produzione viticola”, organizzato da Image Line, nell’ambito del progetto Tergeo di Unione Italiana Vini, che coinvolgerà anche l’Associazione Donne della Vite.

Futuro sempre più digitale per l’agricoltura

Sarà l’occasione per approfondire la normativa attuale, che richiede una trasparenza sempre maggiore nelle fasi di lavorazione del vigneto per monitorarne l’evoluzione, avere una mappatura dei prodotti fitosanitari utilizzati e dare al consumatore finale un prodotto coltivato secondo i migliori standard di sostenibilità.

In questo contesto, si parlerà dell’utilizzo degli strumenti digitali, software, droni e ricerche, che oggi assumono un ruolo sempre più importante, portando in campo un nuovo approccio ai metodi di coltivazione.

ISTITUTI AGRARI IN RETE

Le scuole saranno invece protagoniste nello spazio espositivo di Image Line, all’interno dell’area dedicata ad AgroInnovation EDU, il progetto che, grazie alla firma del Protocollo di intesa con la Rete nazionale degli Istituti Agrari, porta l’agricoltura digitale nelle scuole, permettendo agli studenti di conoscere i più moderni e sofisticati software e agli insegnanti di approfondire le tematiche correlate all’agricoltura 4.0, grazie alla formazione continua.

Registrazione obbligatoria. Per partecipare agli eventi è necessario registrarsi. Per il “Distributore Day”:
https://www.imageline.it/dday.

Per il convegno “Dal campo al calice di vino”:
https://www.imagelinenetwork.com/it/agroinnovation-tour/fieragricola-2018/.

 

 

LASCIA UN COMMENTO